Quando il brand diventa importante

La febbre del licensing