Le carte Uno, sempre più universali

0
370

“Giochiamo a Uno!” è una frase che non ha bisogno di dettagli: tutti i ragazzi la comprendono, tutti ne conoscono le regole. Si tratta di un gioco che supera barriere culturali e linguistiche senza problemi e, adesso, anche quelle fisiche: Mattel ha presentato le carte da gioco UNO ufficiali in Braille che permettono a vedenti e non vedenti di giocare insieme.

Photographer John Fitzpatrick Alison Zukovsky
MATTEL, l’azienda che ha realizzato UNO ha annunciato il debutto di UNO Braille, il primo mazzo di carte ufficiale di UNO realizzato con il codice Braille. La nuova versione renderà il gioco maggiormente accessibile a milioni di ciechi e ipovedenti nel mondo.
Realizzato in partnership con la National Federation of the Blind, l’organizzazione di non vedenti più antica e più vasta negli Stati Uniti, UNO Braille presenta il sistema di lettura Braille sull’angolo di ciascuna carta da gioco per indicare colore, numero o funzione della carta.
 “Con il lancio di UNO Braille, stiamo davvero facendo la differenza per una comunità che sinora non è stata fornita di un gioco a cui sia ciechi che non vedenti possano giocare insieme,” ha affermato Ray Adler, Global Head of Games in Mattel. “Siamo fieri di avere UNO Braille sugli scaffali e rendere UNO più accessibile e più inclusivo per molte più famiglie”.
Il pack di UNO Braille presenta il sistema di lettura braille sul fronte e sul retro per una chiara identificazione e indirizza i giocatori al sito UNOBraille.com dove potranno trovare le istruzioni del gioco con BRF (Braille readable files) disponibili per il download. I giocatori possono inoltre accedere alle istruzioni vocali attraverso Amazon Alexa e Google Home.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here