Perché le cartolerie non debbano più chiudere, in futuro

0
99

Durante la fase del lockdown anche i più distratti si sono stupiti che alle cartolerie non fosse stata riconosciuta l’appartenenza a quella fascia di servizi di primaria necessità.

Soprattutto i bambini più piccoli hanno molto sofferto dell’impossibilità di potersi avvalere di tanti strumenti utili per poter scrivere e disegnare.

Questa pandemia ha non poco compromesso la fascia scolare dei nostri ragazzi: non tutti hanno avuto la possibilità di frequentare scuole d’eccellenza, dove comunque l’attività scolastica è stata attuata da remoto con grande padronanza.

Tuttavia, mentre si è giustamente deciso che l’elettronica di consumo dovesse continuare a fornire i propri servizi (pc, stampanti, ecc.) si è associata la cartoleria alla chiusura delle scuole ritenendo che non ci fosse necessità dei molti servizi offerti da questi punti vendita.

Ma c’è anche un elemento, non secondario, legato al fascino che la cartoleria emana fra bambini e ragazzi: scaffali infiniti di ogni strumento colorato per la scrittura e il disegno. E anche questo aspetto è stato sottovalutato: di colpo i ragazzi si sono trovati senza le loro relazioni (amicali, scolastiche, sportive…).

Come spiegare ai ragazzi che le tabaccherie sono più utili delle cartolerie (dopo che facciamo loro il lavaggio del cervello perché non devono iniziare a fumare?).

Incongruenze che fanno parte della vita, si dirà. Anche perché in molti, inizialmente, quando si è incominciato a delineare il confine fra l’essenziale e l’inessenziale hanno sottovalutato il “peso” della cartoleria (come della libreria).

Poi, per un’ipocrita (presunta) difesa di categoria si è vietata la vendita del materiale da cartoleria nei supermercati. Ancora una volta privilegiando certi (presunti) interessi a danno delle categorie più deboli: i ragazzi.

Ma i nostri figli sono resilienti, più degli adulti, e in questa nuova fase sapranno fare tesoro di questa esperienza uscendone ancora più forti.

Noi, però, stiamo loro vicino.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here