La conquista dei diritti delle donne in mostra a Schio

0
464
Le donne, l’arte, la conquista dei propri diritti. Alla biennale internazionale Di Carta Papermade le opere di artiste che sognano un mondo libero.
Pochi giorni fa è morto l’artista tedesco Ulay, maestro della performance art. Nel ricordarlo, tutti i mezzi d’informazione hanno messo il suo nome in relazione a quello di Marina Abramovic, che è stata per un lungo periodo la sua compagna sia nella vita che nell’arte. Un caso in cui non è la donna a essere identificata come “moglie/compagna di” ma, al contrario, è l’uomo a essere “il marito di”.
In effetti, in un mondo dominato dall’arte maschile, per secoli le artiste sono state relegate in una condizione di marginalità. Negli ultimi anni stanno invece occupando spazi sempre più rilevanti, alcune sono considerate tra le voci più significative dell’arte del nostro tempo. A metterne in luce le valenze, le mostre d’arte contemporanea, in occasione delle quali la loro produzione oggi gode di una crescente importanza.

La mostra Di Carta/Papermade, biennale internazionale di opere di carta, aperta fino al 13 Aprile 2020 a Palazzo Fogazzaro di Schio (Vicenza), ospitale opere di ottanta artisti provenienti da tutto il mondo, anche da Paesi in cui la condizione femminile presenta ancora forti criticità. Il titolo di questa edizione “Le cose non necessarie fanno bello il mondo” è un invito alla riflessione sul ruolo della bellezza nella vita umana e insieme un omaggio all’artista Raul Meel che ha donato al Comune di Schio il suo ricco repertorio di opere (122 libri d’artista e 14 stampa d’arte) che costituiscono l’archivio permanente dell’artista.

La curatrice Valeria Bertesina ha selezionato fra gli ottanta artisti partecipanti, ben trenta artiste, perché crede che le donne possano portare un importante contributo al mondo dell’arte, non solo sul piano espressivo ma anche su quello umano. Le opere delle artiste invitate raccontano vite diverse, sogni, percorsi, le accomuna la voglia di esprimere la propria sensibilità, il proprio bagaglio di esperienze, la propria cultura, il desiderio di libertà. “L’emancipazione femminile è un fattore decisivo nella costruzione di una vita qualitativamente migliore” affermava il filosofo Herbet Marcuse.

Fra le artiste che partecipano alla mostra, ne abbiamo scelte quattro: vivono in luoghi e contesti molto diversi, unite dal desiderio di esprimersi liberamente e di aiutare altre donne a trovare la propria identità. Le avvicina anche una grande attenzione ai temi del sociale, alla resilienza, all’accettazione dell’altro.

Anish Tabaree, iraniana, esprime attraverso i disegni presentati alla mostra Di Carta/Papermade, la sofferenza di una donna giovane e bella, costretta a vivere in casa per il viso deturpato a causa di un incidente. Divorziata, vive la propria emarginazione in un paese come l’Iran dove le donne vedono i propri diritti calpestati e sono oggetto di discriminazioni e pregiudizi. Dopo il divorzio si è rifugiata negli affetti familiari, in quella famiglia che la comprende e la protegge. Tanta la voglia di libertà, di evadere da un ambiente soffocante, sogna di trasferirsi presto in Italia. I suoi disegni, a volte inquietanti, mettono in mostra volti deturpati coperti da veli, che fanno intravedere le vistose ferite. Il repertorio si arricchisce di fantasiose creature ispirate alla mitologia classica, che si avvinghiano, si attorcigliano, oppure ruderi, rovine, siti archeologici. Realizzati con tecniche miste, i disegni sono caratterizzati da colori molto contrastanti come il rosso e il blu.

Farhana Jesmin vive in Bangladesh. Solare, giovane, dinamica, vive la sua quotidianità avvolta negli abiti tradizionali che porta disinvoltamente, con il viso truccato sapientemente, lo sguardo intelligente e fiducioso. Farhana si è imposta in famiglia per poter frequentare gli studi artistici. Nel suo paese le donne che hanno la possibilità di studiare, frequentano corsi per diventare insegnanti o infermiere, le più fortunate possono intraprendere la carriera di medico. Sostenuta dal marito che ne condivide le idee, Farhana aiuta le donne ad uscire dall’ambiente angusto e ristretto delle mura domestiche e ad esprimere la propria creatività. Ha fondato inoltre la scuola Art for Kids perché crede che l’arte e la cultura possano cambiare e migliorare la società, partendo dall’infanzia. Come artista ha ricevuto numerosi premi e riconoscimenti in occasione di mostre e competizioni internazionali a cui partecipa abitualmente. Alla biennale Di carta/Papermade partecipa con un’opera composta di quattro grandi stampe xilografiche realizzate in più matrici. Vi sono rappresentati scorci del suo giardino: la luce mette in risalto i colori della natura e i riflessi sull’acqua della zampillante fontana.

Micaela Trocello, argentina, è una giovane printmaker. Attivista femminista, pone sempre l’attenzione ai temi legati all’emancipazione femminile e viaggia molto portando queste tematiche fuori del suo Paese. Attraverso l’arte ha trovato la possibilità di far parlare dei ruoli di genere e denunciare le discriminazioni che ancora oggi la donna è costretta a subire nel suo paese. Tutte le sue opere traggono ispirazione da questi temi: la storia della rivoluzione in Argentina, la condizione femminile oggi, omaggio alle donne eroiche del passato.

Bianca Severijns, nata in Olanda, attualmente vive a Tel Aviv. L’artista, che ha raggiunto una notorietà internazionale come paper making, continua ad esplorare nuovi linguaggi espressivi della carta, che non ha mai usato come supporto per disegnare o dipingere, ma come materia da trattare, modellare, scolpire. Bianca trasforma la carta in un intricato e complesso lavoro, sempre unico, dal forte impatto visivo.All’inizio è stata la natura ad offrirle gli spunti per le sue opere, ma poi hanno preso il sopravvento i temi legati alla condizione umana come quella dei migranti, a cui si ispirano i suoi mantelli-scultura che tendono ad accogliere, avvolgere, proteggere, ricreando il senso dell’intimità della casa. Per Bianca le storie dei migranti aiutano a farci apprezzare ciò che si possiede: la sicurezza, la dignità, le pari opportunità o la libertà.

Orari:
venerdì 16-19 sabato e domenica
10.00 – 12,30 / 16-19
per le scuole e gruppi anche dal lunedì al venerdì mattina in orari da concordare.

Biglietto d’ingresso:
biglietto intero € 6,00 ridotto (residenti a Schio, giovani fino ai 25 anni, gruppi minimo 15 persone)
€ 3,00 gratuito bambini fino a 10 anni

Scuole:
ingresso gratuito (con 2 accompagnatori per classe)
Visite guidate €3.00 a studente – insegnanti e accompagnatori gratuito

Visite guidate comprensive di biglietto d’ingresso:
intero € 8,00
ridotto € 5,00
gratuito € 3,00

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here