Il mercato del giocattolo

0
346

Nel periodo gennaio-luglio il mercato italiano del giocattolo mostra un lieve rallentamento con un fatturato in calo dello 0,8% rispetto al 2018. Un risultato comunque migliore rispetto alla media europea, dove la contrazione raggiunge il 2,1%.

In occasione della tradizionale giornata di presentazione alla stampa delle novità del Natale, Assogiocattoli ha diffuso i dati del settore per il periodo gennaio-luglio 2019. Secondo le rilevazioni di NPD Group, nei primi 7 mesi dell’anno, che rappresentano circa il 35% del giro d’affari totale annuo, il mercato italiano del traditional toy* mostra un lieve rallentamento, chiudendo con un trend pari al -0,8% in valore.

Penalizzato il comparto Outdoor & Sport Toys, che rappresenta il 16% del mercato del giocattolo con una contrazione del -1% rispetto al 2018, per via dell’incertezza climatica che ha caratterizzato il periodo primaverile; le categorie Action Figures, Nurturing Dolls e Games sostengono il mercato, registrando le migliori performance.

Nella classifica delle properties (brand & license) il primo posto è per L.O.L Surprise!, che registra anche la crescita più sostenuta,  seguita da Barbie e Marvel.  In aumento anche le vendite dei prodotti legati ai brand Gormiti, Harry Potter, Cry Babies.

Il dato italiano è il migliore a livello europeo dove complessivamente il mercato registra un calo del 2,1%, influenzato principalmente dalle contrazioni in Inghilterra, Belgio e Olanda.

Seppur non brillante l’andamento calca quello generale dell’economia nazionale; si attendono ora i risultati dell’ultima parte dell’anno che, complici le festività natalizie Natale, rappresenta circa il 70% nelle vendite di giochi e giocattoli dell’anno.

 

* Fonte: NPD – POS Panel Italia

Gioco cibo per la mente
A G! come Giocare 2019, Assogiocattoli promuove i giochi da tavolo per sostenere il valore del gioco e alimentare una sana relazione tra il bambino e la sua famiglia. Il gioco è un’attività fondamentale per una crescita sana ed equilibrata, tanto che l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite con la Convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza – di cui quest’anno ricorre il trentennale – ha stabilito che il gioco è un diritto del bambino. E “Gioco cibo per la mente” è il claim che da parecchi anni accompagna molte delle iniziative di Assogiocattoli. Sarà così anche quest’anno con una serie di eventi che culmineranno a G! come Giocare, in programma dal 22 al 24 novembre a FieraMilanoCity, dove l’associazione sarà presente con un progetto dedicato ai giochi da tavolo, giochi la cui caratteristica risiede nel promuovere momenti di socializzazione, ancor più importanti se vissuti all’interno della famiglia.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here