Valentine e dintorni

0
720

Dal Ghana alla Cina, dal Galles alla Catalogna: ogni regione e paese ha il proprio modo di festeggiare il 14 febbraio, fra biglietti e cioccolatini.

Di Moleskine, nella serie Passion Journals c’è il taccuino dedicato al matrimonio. Diviso in sezioni per registrare, incollare, disegnare e annotare ricordi è un contenitori di ricordi da regalare (anche a se stessi!).

Pronti a festeggiare la festa di chi si vuole bene? Avete già impacchettato un regalo per fidanzati, sorelle, amici e i generale le persone che occupano un posto speciale nel vostro cuore? Già, perché se le origini della festa sono legate al mondo cristiano e quindi a un’interpretazione “tradizionale” della coppia, oggi celebrare San Valentino ha un significato più ampio, che coinvolge non solo i sentimenti fra due persone, ma anche l’amicizia, i rapporti fra colleghi, fra nonni e nipoti, fra ogni figura di rilevo nel panorama affettivo del singolo. La trasformazione è avvenuta grazie alla diffusione delle varie tradizioni nel mondo, con una forte spinta, come spesso succede, da quella proveniente dagli Stati Uniti, dove ognuno, fin dalla tenera età, prepara qualcosa di speciale per tutti i destinatari dei propri “buoni sentimenti”.

I tovaglioli di carta di Meri Meri con decori a cuore per preparare una tavola in tema. La confezione ne contiene 20 e vengono proposti nelle dimensioni 12,7×12,7 cm o 16,5×16,5 cm.

Ma, andando con ordine, quali sono le origini della festa di San Valentino? Pare che la Chiesa, durante il papato di Gelasio, abbia istituito la data nel 496 per togliere importanza alla festa pagana dei Lupercali. Fra il 13 e il 15 febbraio, infatti, a Roma si festeggiava Luperco, divinità che proteggeva il bestiame dai lupi e, ricordando l’allattamento della lupa verso Romolo e Remo, si era trasformato in un rito pagano legato alla fertilità. Il Papa decise così di interrompere queste usanze e di “elevare” la festa verso i sentimenti. Da quel periodo Gelasio è diventato il patrono degli innamorati e a Terni, sua città d’origine, si festeggiano gli Eventi Valentiniani per tutto il mese di febbraio, fra iniziative che coinvolgono fidanzati e coppie sposate, che festeggiano la promessa di matrimonio o le nozze d’oro davanti all’urna del Santo.

Se questo, quindi è il punto di partenza della festa di San Valentino, oggi è diventata più “di ampie vedute”, sia allargando i potenziali festeggiati, fra amici, colleghi, compagni di giochi, sia ampliando il modo in cui si celebrano i sentimenti.

Per festeggiare la nonna,  ecco un quadretto in legno, delle dimensioni di 10x9cm, dipinto di rosa. È di Gisela Graham London.

Negli Stati Uniti il 14 febbraio non è solo festa degli innamorati ma di tutti i legami, il giorno in cui ognuno dimostra alle persone a cui vuol bene di tenerci, che si tratti di un amico, un’amica, i nonni, gli zii, i colleghi o qualsiasi persona che faccia parte del percorso di vita. E ad ogni età! I laboratori di arte, a scuola, fervono e i bambini hanno il compito di produrre biglietti e lavoretti per tutti i protagonisti del loro cuore.

Spazio, quindi, allo scambio di biglietti, le Valentine, e di dolcetti. Secondo la tradizione nata in Inghilterra, anche negli USA spesso le Valentine sono anonime, per circondare i sentimenti di un alone di mistero. In Inghilterra bisogna fare un salto indietro, nel Medioevo: il primo riferimento alla festa di San Valentino è compreso nel poema Il Parlamento degli Uccelli di Goeffrey Chaucer e la prima Valentine scritta fra innamorati dovrebbe essere quella attualmente conservata alla British Library e scritta da Carlo d’Orleans alla moglie, chiamandola “ma tres doulce Valentinèe”, mentre era chiuso nella torre di Londra dopo essere stato sconfitto nel 1415.

È arrivato il momento di andare ad abitare insieme? Quale miglior modo per proporlo al proprio partner se non regalando un set di portachiavi che comprende il modello per lei e quello per lui? Di Animi Causa, il kit His and Her Keyrings comprende due portachiavi in metallo con finitura in resina. Ciascuno misura 8×2,5×0,4 cm.

Oggi nel giorno di San Valentino ci si scambiano biglietti, spesso anonimi, e regalini di tutti i tipi. In Galles, una tradizione particolare: ci si regalano cucchiai di legno intagliati.

Per chi comincia a essere insofferente a tanto romanticismo basta fare un salto in Finlandia ed Estonia dove il 14 febbraio è il “giorno degli amici” e si festeggia in compagnia. Le cene a lume di candela si possono posticipare.

In Spagna si festeggia San Valentino secondo le usanze più comuni, da bigliettini a cioccolatini, ma la regione della Catalogna ha una tradizione più particolare: da secoli il 23 aprile si celebra, dedicandolo ai sentimenti, il giorno di Sant Jordi che secondo la leggenda salvò una principessa da un drago tagliandogli la testa e dal sangue versato nacque una rosa. Ed è per questo che il 23 aprile i ragazzi portano in dono una rosa alle innamorate.

I fiori sono protagonisti anche in Ungheria dove, nel giorno di San Valentino, la tradizione vuole che i ragazzi attraversino i boschi per raccogliere bucaneve.

Per farli insieme o per lanciare un messaggio dolce: lo stampo per preparare sei tortine a forma di cuore e la spatola, in silicone rosso, compongono il set proposto da Excelsa per festeggiare San Valentino. Sono adatti sia per la cottura in forno tradizionale che al microonde.

A differenza di quanto d’abitudine negli Stati Uniti, in cui festeggiano tutti, dai bambini con i loro amici e con le loro prime cotte, ad amici e parenti, in Germania la festa è riservata agli adulti, che spesso si regalano biscotti a forma di cuore e realizzati con il classico impasto a base di zenzero.

In Argentina invece i festeggiamenti coinvolgono tanto gli innamorati quanto gli amici e durano per un’intera settimana durante la quale si celebrano i sentimenti regalando spesso dolcetti; il periodo di festa si chiude con la “Giornata dell’Amicizia”.

Anche in Brasile non ci si accontenta di sole 24 ore: la festa degli innamorati si festeggia anche il 12 giugno, giorno precedente a Sant’Antonio, patrono dei matrimoni. Secondo la tradizione, in questa data le donne nubili tengono in mano la statuetta del Santo con l’augurio di sposarsi presto. Il matrimonio è un momento fondamentale anche in Thailandia tanto che l’appuntamento per festeggiare San Valentino non è valido tutti gli anni, ma solo quando è stata già presa la decisione di sposarsi.

Spazio alle donne: in Giappone è solo il genere femminile ad avere il ruolo di festeggiare San Valentino regalando a compagni, amici, colleghi di scuola o lavoro cioccolatini, meglio se fatti a mano. L’equilibrio torna un mese dopo, il 14 marzo, quando per festeggiare il “White Day”, gli uomini dovranno ricambiare regalando cioccolatini bianchi.

Rispetto al Giappone, la Corea del Sud ha una originale tappa in più: il 14 aprile si festeggia il “Black Day”, dove chi non ha ricevuto niente né a febbraio né a marzo va a cena in un ristorante dove il menù prevede spaghetti al nero di seppia.

Ricerca, ironia e creatività sono i tre termini che Cartea sceglie per definire la propria identità: il giovane marchio propone idee creative e interpretazioni contemporanee dei simboli, compresi quelli legati a San Valentino, proposti in forma di cartoncini augurali.

In Cina non si celebra il 14 febbraio, ma la data per festeggiare gli innamorati. È la Festa Qixi, o Festa del Doppio Sette, e si chiama così perché cade il settimo giorno del settimo mese  lunare. Alle spalle di questa data, la storia di Niu Lang e Zhinu, due innamorati che furono separati dalla dea del cielo, e madre di Zhinu, che creò la via lattea per tenerli lontani. Nel 2019 cadrà il 7 agosto.

A Taiwan le date sono due: 14 febbraio e 7 luglio. In queste occasioni regalare fiori ha un significato ben chiaro, perché in funzione del numero e del tipo di fiori recisi si sta dando un preciso messaggio, arrivando anche alla proposta di matrimonio se il mazzo contiene 108 rose.

E infine, un <paese in cui le ragioni del cuore coincidono con quelle dell’economia: il governo del Ghana, Paese che è fra i maggiori produttori di cacao al mondo, dal 2007 ha fatto coincidere la Festa Nazionale della Cioccolata con il 14 febbraio, con l’obiettivo di incoraggiare i cittadini a regalarsi prodotti della propria terra e unire utile e dilettevole.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here