Il gioco è fondamentale per tutti i bambini. Nessuno escluso.

0
123

Il gioco è un diritto per tutti i bambini e i giocattoli devono essere quanto più possibile inclusivi: il progetto “Gioco anch’io“, nato nel 2013 grazie ai designer Bernardo Corbellini e Bice Dantona e realizzato da Assogiocattoli, poggia le sue basi proprio su questo concetto. E sulla base di questo concetto arriva a G! come giocare 2018. Durante l’iniziativa – che si svolgerà a Milano da venerdì a domanica – sarà presentata infatti una rinnovata selezione di nove giocattoli che, pensati per bambini normodotati, possono essere utilizzati in maniera efficace per rispondere alle esigenze di divertimento – e di terapia – di bambini con particolare necessità, garantendo quindi anche la massima inclusione.

Grazie alla collaborazione con A.I.T.O – Associazione Italiana dei Terapisti Occupazionali – e OPL  – Ordine degli Psicologi della Lombardia – ogni giocattolo in esposizione sarà accompagnato da una descrizione circa il suo impiego per le diverse età e disabilità (come autismo, disturbo dell’attenzione, disprassia, disturbi motori e sensoriali); inoltre, nei giorni della manifestazione uno psicologo esperto, messo a disposizione dall’Ordine degli Psicologi della Lombardia, potrà rispondere a domande di genitori ed educatori.

“Con questo progetto – dice Paolo Taverna, direttore di Assogiocattoli –  garantiamo anche l’opportunità di suggerire prodotti rintracciabili nei più tradizionali canali di vendita di giocattoli, agevolando il più possibile i genitori e rinforzando il concetto di inclusione come modalità del tutto naturale di gestire la quotidianità”.

 “Gioco anch’io” a G! come Giocare 2018 ha ottenuto il Patrocinio dell’Assessorato alle Politiche sociali, abitative e disabilità della Regione Lombardia e l’Assessore Stefano Bolognini afferma: “G! come Giocare, un’occasione per ricordare che il gioco è un Diritto di tutti i bimbi: questo è ciò in cui abbiamo creduto e sui cui abbiamo deciso di investire per promuovere i valori di inclusione sociale con particolare attenzione alle esigenze dei bambini con disabilità. E il proposito dell’iniziativa “Gioco anch’io” promossa da Assogiocattoli si inserisce perfettamente in questa direzione. Il gioco è un momento di crescita fondamentale dell’individuo e tutti i bambini devono poter condividere questo momento speciale senza discriminazioni. Il valore del gioco deve essere promosso come momento fondamentale di inclusione e socializzazione, un modo per confrontarsi con la complessità del mondo in condizioni di uguaglianza e di accessibilità”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here