La penna dell’anno è ispirata ai vichinghi

0
154
La Penna dell’Anno 2017, firmata Graf von Faber-Castell, sa di leggenda. Il suo nome è Viking ed è ispirata alla struttura pionieristica delle lunghe navi nordiche dei vichinghi, alla scoperta di nuovi mondi.

Quelle navi, straordinariamente manovrabili erano abbastanza robuste per resistere in alto mare, ma al tempo stesso sufficientemente snelle per penetrare in profondità all’interno dei continenti. Con le loro vele a strisce colorate, le maestose teste di drago intagliate, la linea curva dello scafo ispirata ai cigni e ad altri uccelli marini, erano l’orgoglio dei propri equipaggi, in grado di percorrere fino a 150 miglia, una velocità che successivamente sarebbero riusciti a raggiungere solo i grandi velieri del XIX secolo.

Tornando alla penna del’anno premiata, ogni suo elemento trasmette la grazia elegante con cui le famose imbarcazioni solcavano gli oceani del mondo.

Il fusto dell’edizione limitata in platino è intarsiato con placchette sottili di betulla riccia di colore rosso brillante, il cui taglio presuppone grandi competenze e un’estrema precisione.

Il colore caldo e ricco di sfumature del legno si armonizza splendidamente con le intense tonalità del rosso lucente della corniola incastonata nel cappuccio che crea un gioco di luce di grande fascino in contrasto con la finitura platino del fusto. Il marchio Graf von Faber-Castell é inciso sull’estremità finale della penna in rune sottilissime, i caratteristici segni dell’alfabeto delle popolazioni germaniche. Ogni strumento di scrittura è un pezzo unico, numerato singolarmente. La penna stilografica platinum-plated, dotata di un pennino d’oro bicolore 18 carati, è limitata a 500 esemplari, la roller a soli 150.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here